Premio Barocco 2017, omaggio alla bellezza e alla forza del Salento (senza Twiga)

Gallipoli. Sabato 27 maggio il Castello Angioino ha ospitato, ancora una volta, il Premio Barocco. Tanti gli ospiti dell’edizione n. 48 e immancabili i riferimenti alla fantastica terra che ha dato vita alla rassegna in esame.

L’attrice Elena Sofia Ricci, luminosissima e molto elegante in bianco, ha speso parole stupende per il Salento e l’intera Puglia, in virtù anche delle sue recenti esperienze a Lecce davanti la macchina da presa.

Il giornalista del Tg1 Francesco Giorgino, pugliese doc, ha evidenziato come il Salento abbia tanto da offrire a livello turistico, indipendentemente dal sogno, per ora naufragato, del Twiga di Flavio Briatore.

L’amore per la terra pugliese traspare anche dalle parole del simpaticissimo Teo Teocoli, altro ospite illustre della serata. Alla domanda di Totem Giornale circa il suo sentirsi uomo di mare, considerato il fatto che sia nato a Taranto e che si trovasse a Gallipoli in occasione del Premio Barocco, risponde “Certo, mi sento uomo di mare. Mio padre era di Reggio, io sono nato a Taranto, ho vissuto in Puglia un anno e mezzo. Ho visto lo Ionio, ho visto il Tirreno, nuovamente lo Ionio ancora, potrei dire tre mari…alla fine sono andato a Milano e ho visto il quarto mare, l’Idroscalo! Lo chiamiamo il mare di Milano, mancava giusto quello!

Diversi gli interventi nell’area dedicata alla stampa, tra battute, foto e sorrisi, col patron Fernando Cartenì e i vari ospiti: oltre ai già citati Giorgino, conduttore dell’evento, Elena Sofia Ricci e Teocoli, hanno preso parte alla serata di premiazione, tra gli altri, ricevendo la Galatea Salentina, l’eclettico Morgan, il giornalista e conduttore Paolo Del Debbio, la cantante classica Carly Paoli. Assente Patty Pravo che avrebbe dovuto ricevere il premio alla carriera.

Foto di Giuseppe Bello Roma