Atto finale della “Fiera delle Arti”: 'Premio di benemerenza' a don Attilio Mesagne

È arrivata a conclusione la “Fiera delle Arti”, la rassegna storica che si è svolta in questo mese, presso lo stabilimento 'Folonari', in via Tancredi a Squinzano, uno dei simboli della storia del paese.

Dopo tanti appuntamenti, incontri a tema e varie esposizioni di artisti locali, che hanno riscoperto e fatto rivivere pezzi importanti della storia squinzanese, la Fiera si chiude questa sera, sabato 30 dicembre 2017, alle ore 18.30, con l'evento “Squinzano: cultura e solidarietà”, che tratterà due elementi fondamentali ed imprescindibili per partecipare attivamente alla vita sociale; la cultura, infatti, viene vista come lo strumento determinante per far crescere, innalzare e arricchire l'animo umano, mentre la solidarietà rappresenta un sentimento di fraternità che nasce dalla consapevolezza di un'appartenenza comune e dalla condivisione di interessi e ideali, una pratica per niente semplice che ha bisogno di tempo e tanto impegno per essere appresa e messa in atto.

Durante l'incontro, moderato dal giornalista Beppe Longo, interverranno gli squinzanesi don Luigi Manca, direttore dell'Istituto Superiore di Scienze Religiose e don Attilio Mesagne, direttore della Caritas Diocesana, al quale sarà inoltre consegnato il “Premio di benemerenza”, a testimonianza della grande riconoscenza e della stima che la cittadinanza nutre per il sacerdote squinzanese. «A don Attilio Mesagne, all'uomo buono, sacerdote nella vigna di Cristo, per il suo apostolato vissuto con passione evangelica, nell'accoglienza e nella cura dei più bisognosi, così come testimoniato nel suo magistero di Direttore della Caritas Diocesana di Lecce. 30 dicembre 2017. La Comunità di Squinzano», questo il testo della targa che sarà consegnata a don Attilio durante la serata, allietata da intermezzi teatrali e musicali a cura della Compagnia teatrale “I Filodrammatici” e alla fine della quale, con un brindisi, ci si potrà scambiare gli auguri per il nuovo anno.