Arrestato sanpietrano residente a Squinzano: condanna a dieci anni e mezzo

Il suo nome era già noto alle forze dell'ordine, già dal 2013, in merito alle indagini dei Carabinieri sulla Sacra Corona Unita 2.0, avviate nel sud del brindisino in seguito ad una sparatoria.

E adesso, M.C., 36 anni, nativo di San Pietro Vernotico ma residente a Squinzano, è stato prelevato dagli arresti domiciliari e accompagnato presso il carcere “Borgo San Nicola” di Lecce, dove dovrebbe scontare una condanna a dieci anni e mezzo di reclusione. È stato, quindi, arrestato ieri, il pregiudicato 36enne, con l'accusa di associazione a delinquere di tipo mafioso e traffico di droga; i reati sarebbero stati commessi tra il 2010 e il 2013, tra Squinzano, Andria, San Pietro Vernotico e Campi Salentina.