Intorno alle 7 di questa mattina, giovedì 12 ottobre 2017, tre individui hanno seminato il panico in un'abitazione di Squinzano, ai danni di una famiglia del posto.

Risale a febbraio scorso, il triste caso di cronaca che sconvolse la cittadina di Squinzano, quando una17enne fu indagata per feticidio e occultamento di cadavere.

Una mattina d'autunno come tante altre ha rischiato di trasformarsi in una tragedia per le numerose persone radunate all'entrata della scuola dell’infanzia “M. Montessori” di Squinzano.

Ancora ladri in azione, sempre di notte, coperti dal buio e al riparo da occhi indiscreti, in orari in cui si può davvero agire indisturbati.

 “Il lupo perde il pelo, ma non il vizio”. Ripreso un altro 'sporcaccione', dalle telecamere di videosorveglianza installate in una strada di Squinzano, in pieno centro abitato.

Tornava a casa tranquillamente, come se non fosse agli arresti domiciliari e non avesse l'obbligo di restare chiuso in casa, un 49 enne di Squinzano, F.M.

Ha 28 anni e risiede a Trepuzzi, la ragazza che questa mattina, giovedì 21 settembre 2017, ha rischiato davvero un bel po', dopo aver imboccato una strada in cui vige il divieto di transito.

Si ritorna a parlare di un caso di abuso ambientale, accaduto oggi a Squinzano e che si aggiunge alla lunga lista di episodi che compromettono, sempre di più, l'ambiente che ci circonda.

Stava per consumarsi poco prima delle 22 di ieri sera, 15 settembre 2017, un tentato furto ai danni della ditta Biosud, lungo la Provinciale 236, nelle vicinanze di Squinzano.

È sempre una questione di inciviltà senza frontiere. TgSquinzano solo ieri aveva già denunciato episodi da censurare rispetto al mancato rispetto delle regole per il conferimento dei rifiuti domestici,

Pagina 1 di 7