“Gli spazi che vorrei per una città da vivere”, il concorso di idee per una Biblioteca nuova

È peccato avere siti e luoghi di cultura, spaziosi, accoglienti e di livello, e non sfruttarli a pieno. Da questo proposito nasce il concorso di idee: "Gli spazi che vorrei per una città da vivere".

Il concorso, lanciato dall'Amministrazione Comunale di Squinzano, si prefigge l'obiettivo di elaborare un progetto per partecipare a "Smart - in / Community Library", un grande bando pubblico della Regione Puglia per la valorizzazione, la fruizione ed il restauro dei beni culturali e , in particolare, delle Biblioteche Comunali.
L'idea è quella di trasformare la Biblioteca “G. Cingolani” di Villa Cleopazzo, da luogo di studio e di preservazione del sapere, in un luogo aperto fruibile da tutti.
“Un luogo dove ognuno possa sentirsi a proprio agio come a casa propria- come scrivono gli organizzatori e i promotori dell'iniziativa, tra cui l'Assessore al Turismo e al Recupero del Patrimonio storico, artistico, e culturale, Claudio Taurino,-, uno spazio dove ognuno possa comunicare e condividere le proprie esperienze, uno spazio dove ogni cittadino, di qualsiasi età e senza distinzione di sesso, razza o religione, possa sviluppare la propria creatività.
Per fare ciò si vuole evitare qualsiasi proposta "fatta a tavolino" e finalizzata solo "a sfruttare un finanziamento", nella convinzione che "Community library" rappresenti non una semplice "opportunità finanziaria", ma, un importante opportunità per crescere. È con questo spirito che si muove l'Amministrazione Comunale, in sinergia con i cittadini, con i quali si creerà, almeno questa è la speranza, una condivisione di pensieri, stati d'animo, idee, progetti e suggerimenti.
“Per questo vogliamo ascoltare i cittadini- dice Taurino-, per recepire le loro proposte ed i loro suggerimenti, per dar vita ad un nuovo "modello moderno e condiviso" di Biblioteca.
Il libro, il giornale, il fumetto, non devono più essere degli oggetti da riporre negli scaffali, ma, un'
opportunità per incontrarsi e vivere spazi nuovi creati per dare risposte ai bisogni e ai desideri dei cittadini”.

Spazi per incontrarsi con gli amici, dunque, per vivere insieme ai propri figli, spazi per interagire, per stare bene con se stessi, per degustare del buon vino o sorseggiare un caffè mentre si legge il giornale o si ascolta la musica, spazi dove si può godere la visione di un buon film, spazi dove si può valorizzare la propria creatività attraverso l'attivazione di laboratori, spazi dove i giovani e ragazzi possono sviluppare le proprie potenzialità in materia di nuova tecnologia e moderna comunicazione....spazi per tutti. Queste le promesse di chi governa il paese, che ieri, giovedì 10 agosto 2017, ha lanciato l'ambizioso progetto, in un incontro organizzato dalla Biblioteca Mediateca squinzanese.
“L'impresa non è semplice ed è sicuramente ardua ma vogliamo provarci perché, senza promozione della cultura, non vi è possibilità di crescere ... non vogliamo una cultura da salotto o di élite, bensì una cultura che viene dall'esperienza e dai valori della nostra gente e della nostra storia"- sostiene ancora l'assessore Taurino.
Il termine per presentare il progetto scade il prossimo 10 ottobre 2017 ed il Bando Community library prevede il finanziamento di interventi sino a 2 milioni di euro. I tempi sono abbastanza ristretti ma è già partito il processo di coinvolgimento degli alunni delle scuole di ogni ordine e grado presenti nel territorio e delle associazioni.
“Noi però vogliamo andare oltre dando voce a tutti coloro che vogliono contribuire al cambiamento. Farlo sarà molto semplice, basta inviare una e mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Aspettiamo le vostre idee ed i vostri suggerimenti nella convinzione che i cambiamenti non sono mai il frutto di una scelta di pochi, ma, dipendono dalla volontà di tutti”- conclude Taurino.